The London filter

In the whole world, London is the city where I have the biggest amount of memories with my family.

To me London means past.

The Tyrannosaurus Rex from Natural History Museum, so huge when I was a child.
The wind blowing on my cheeks on Tower Bridge while a picture of me sitting on my dad’s laps was being taken.
The Victorian House where my mum used to cook custard cream and Vicky the Viking watched with my sister sitting on the carpet.
The card game to learn the family members in English and a toy gun that caused alarm at the 1990 border control of Heathrow Airport.

To me London means a more recent past.
The first moments of peacefulness after coming out. Discovering a love for theatre and for English language.
London to me is and has always been a symbol for discovery, absolute freedom, energy and vitality. A place where it doesn’t matter what you wear, what you think, what you believe in, who you love, what you eat or what music you listen to. There’s everything, regardless.

This city, with its constant changing and evolution, makes you feel like if you arrived a minute ago even when you’ve been living here for two years. Its continuous evolution pushes you to constantly evolve both personally and individually. It’s a sense of discovery and exploration that makes you see everything in complete awe.

I have always been shocked by the feeling of possibility that this city brings to me. I have always felt like I could be everything I wanted to be and do anything I felt like doing, whether I had been here for just a minute or a thousand years, I couldn’t help feeling this incredible and energetic will to do more, to improve, to grow.

I often hear people here talking about a career change of path and I genuinely think that this motivation in exploring new possibilities is kind of contagious, other than brave. Leaving everything behind to create something else, something different, the sort of thing you wouldn’t have even conceived up to a year ago, seems to be part of the incredible ability London and Londoners have to transform.

I’ve heard of lawyers becoming waiters and teachers becoming lawyers. I’ve heard of marketing managers decide to become teachers and teachers deciding to become visual artists.

London to me is present (and a present). It means finding out what it’s like to be a TEFL teacher first and falling in love with SEN world after. It means my first Gay Pride Parade and my 30th birthday.

Through the London filter I’ve seen my life changing so many times that I can choose which moment of my life I want to recall every time I sit on St. Paul’s Cathedral’s steps or I walk along Southbank.

Recently, I’ve been thinking what would be like to move to a smaller place in UK, somewhere different from London, maybe smaller or more family like, just in case…
However, this place has become so important to me, that I feel like it’s a person, a friend that I am struggling to separate from.

I don’t know if London will be my present for ever, but what I definitely know is that it will be in my future. Somehow.

Annunci

Which are the achievements you are most proud of in your life?

Right, let me tell you about this.

I’ve done loads of interviews so far. Phone interviews, Skype interviews, face to face interviews, group interviews, individual interviews, video interviews etc.
And I know pretty much any possible question the recruiter could come up with.
At least I thought I knew all about it.
But there is always something that needs to leave you unprepared in an interview, doesn’t it?

Well, today my “unprepared” moment came when, after having asked me all the standard questions that I knew about, this lovely guy comes up with:

“So, which are the achievements you are most proud of?”

Now, let’s think about this question.

1) Starting with “which are the achievements that” means that they are assuming that you have achieved something so far and so that it is impossible to think that you haven’t.

2) The use of plural (which are the achievements) assumes that there must be more than one as well and that again, if you even managed to come up with just one, you would look like a loser anyway.

3) They are not asking you about an achievement in general, but the achievements you are proud of. Which means that they don’t want you to tell them random things like, dunno, “I graduated” or “I got married”, but something that you are proud of.

Needless to say I was shocked by the question. Why? Well, because I’ve always been thinking the other way round.
Usually when I come to terms with my personal or professional achievements it’s one of those bad days when I think “look at the loser I am, I haven’t achieved nothing in my all life”, and in those moments I don’t usually think “actually this is not true, I’ve done this, this and also this”.

So you can imagine that for the first ten seconds after that question I didn’t have a clue of what to say.

Then I thought “let’s see…I am living in a new country, I actually moved here and decided to start from zero, which shows determination and self motivation I guess. I qualified as a teacher in a country which is not my home country and I can teach a language which is not my mother tongue, which tells something about my capabilities and communication skills I suppose. Also, I managed to teach teenagers who didn’t realise I was from the same country they were from, which was particularly challenging and scary and tells you something about my accent :D.”

So this is actually what I told to the guy.

But when I left that office I started thinking about that question and realised many things about my answer.

a) They were all professional achievements;
b) They were all linked to the last 2 years of my life and so, to teaching English in England;

So what about the other 27 years of my life?

Well, there are other professional achievements I am proud of which are linked to my previous jobs (being published by a national magazine at the age of 19, successfully surviving the most famous theatre festival in the world, selling a theatre show which hadn’t been produced yet, covering a role of huge responsibility such as dealing with a government funding request – although my role mainly involved collecting datas and putting them in the bloody spreadsheet without mistakes -, being able to getting reviews from some rather posh journalists, quitting a job because I wasn’t feeling motivated or rewarded from a human point of you.).

But what about my personal achievements? There must be some, somewhere…

So here I am, writing this post while  I’m trying to come up with some special moments of my life.
And to be honest I think that the best achievement I have accomplished so far is that today, when I look in the mirror and I see myself I am proud of what I see. And at the same time, I know that everything will be fine.

Now, maybe for you this is bullshit and it might stop you reading further.

But for me this achievement is a turning point of my life.
It’s not something easy to accomplish, if you are used to be the negative person with the black cloud on their head who always thinks that “everything will go wrong” or that “there’s nothing to hope for”, because “things don’t change and life is shit”.

At the same time, though, it is something very easy to accomplish if you just start realising that living your life is the only tool you have to make it better than what it is. And accepting everything that happens to you is the best you can do to let things go and get rid of what you don’t like.

So, well, yes, I guess that the answer is:
“I am proud of being proud of myself. I am proud of being happy with what I have got and of being able to see things positively regardless of the situation.”

Lost generation

“See? This is the “lost generation” that everyone talks about. They keep on getting temporary contracts and they can’t get years of experience, so they are not able to grow professionally. I am 27 and I earn 75k py. I started with the phone stuff, now every week someone offers me a job because I got 3 years of experience.” D.F.

“Lost generation” ci chiamano, “like the one in Greece and in Spain”.
E la cosa bella è che il ventisettenne che parla non è nemmeno di Londra.
E’ svizzero. Uno che aveva tutto pure a casa sua. Ma che ha comunque deciso di girare il mondo. E che a 24 anni, dopo aver lavorato in Cina e chissà dove altro, si è trasferito in London, si è sposato e si è pure comprato casa.
Io a 24 anni ero a qua a fare un tirocinio per poi decidere di tornare in Italia chiedendomi se fosse la cosa giusta da fare o no.
Oggi, 5 anni dopo, mentre lui paga il mutuo e lavora a 15 minuti da casa sua in un ufficio di vetro da cui si vede South East London, sono di nuovo a Londra, e ancora a chiedermi se è la scelta giusta oppure no.

C’è chi riesce a decidere su due piedi e chi non ci riuscirà mai.
E io ancora non ho deciso da quale parte stare.
O forse sì.

Che due coglioni.

Il mio augurio per te oggi

Il mio augurio per te è oggi è che tu sia in un posto felice.
Forse il mio augurio per te oggi è semplicemente che tu sia.

Dicono che sia molto comune diventare religiosi dopo un lutto. Ma come sempre per me è un caso a parte. Io non sono mai stata completamente atea prima e non sono diventata totalmente religiosa adesso.
Ho sempre creduto che qualcosa esistesse, seppure in qualche forma molto indefinita. La differenza è che adesso credere è diventato semplicemente un bisogno.
Quindi il mio augurio per te oggi è che tu sia da qualche parte in qualunque forma e che da quel luogo riesca a vedermi.
Perché mi rattrista il pensiero che tu ti perda le avventure dei miei ultimi 2, quasi 3, anni.
Non che siano avventure di chissà quale calibro, ma una madre, dicono, ha molto a cuore il futuro dei propri figli. E quindi mi rattrista che tu non sappia che, in qualche modo, sto seguendo le tue orme e che in quelle scuole inglesi penso spesso a quale sarebbe il tuo commento davanti a qualcuno che non lava la propria tazza con il sapone.
Mi rincuora, invece, poter credere che in qualche modo mi vedi. Che segui i miei percorsi e che, quando sogno, i tuoi consigli siano consigli veri, in qualche modo frutto di un’attenta osservazione.
Mi rende serena il pensiero che il tuo portarmi a Londra per mano in un sogno sia stata metafora di un futuro che si è verificato davvero. Che in quel momento mi stavi dando una direzione che per qualche strana ragione non ho faticato affatto a prendere. E su cui oggi sto decidendo di basare la mia intera vita futura.

Poi, certo, i più cinici direbbero che tutto questo non esiste, che è una mera proiezione mentale, che sto semplicemente cercando una giustificazione alla mia partenza, perché alla fine, chi resta, resta e ad andare via sono io.
Direbbero che i sogni sono una proiezione dei nostri desideri e che se il nostro desiderio è partire, ma c’è qualcosa che ci frena a farlo, prima o poi potremmo fare un sogno che dia una soluzione al nostro freno e che diventi una spinta in più a perseguire il nostro obiettivo.

Come dice Ralph Messenger, personaggio principale del libro che sto leggendo in questo periodo “Thinks…” a proposito del cervello e dell’anima:

“Everything that processes information [is a machine].
People go on stubbornly believing that there is a ghost in the machine however many times scientists and philosophers tell them there isn’t.”
David Lodge

Le scienze cognitive molto probabilmente hanno ragione e in futuro riusciranno magari anche a dimostrare l’inesistenza dell’anima o dell’aldilà.
In fondo ci sono giorni in cui anche io la penso così.
Ma oggi non è uno di quei giorni. Oggi, come tutte le seconde domeniche di maggio e tutti i 24 novembre o i 15 luglio e le feste comandate:

“Voglio però ricordarti com’eri, pensare che ancora vivi,
voglio pensare che ancora mi ascolti e che come allora sorridi e che come allora sorridi…” Francesco Guccini  – Canzone Per Un’Amica

E’ questo il mio augurio per te oggi: “che ancora mi ascolti e che come allora sorridi”.

P.S. Per chi non se ne fosse ancora ricordato oggi è la Festa della Mamma.
Google ha realizzato un doodle apposito per l’evento. L’immagine che segue è stata realizzata con quel doodle. Il disegno che viene fuori alla fine è molto casuale.
Ma è una strana coincidenza: mia madre adorava gli elefanti.

Immagine

Bruchi

“Fino a quando resterai bruco difficilmente convincerai gli altri del tuo potenziale da farfalla.” A.T.

E’ una di quelle citazioni applicabili a qualunque situazione.
Quando ci sentiamo bruco da piccoli perché non siamo ancora abbastanza avanti come gli altri.
Quando siamo al liceo e non riusciamo ad emergere tra i compagni di classe e non capiamo il perché.
Quando ci piace qualcun* e quel qualcun* non ci degna nemmeno di uno sguardo e ci chiediamo cos’abbiano gli altri più di noi.
Quando inviamo c.v. a catena e non riceviamo risposte.
Quando arriviamo a cinquant’anni e ci sembra ancora di vivere il dramma adolescenziale dell’accettazione ogni volta che dobbiamo fare qualcosa di socialmente visibile.

Siamo stati tutti bruco almeno una volta nella vita.
E tutti gli amici intorno a dirci quanto eravamo belli dentro e quanto potenziale avevamo da condividere con gli altri.

Oggi mi sento un po’ bruco, mentre il bar superfighetto sotto casa, pieno di radical chic che si fingono Rockefeller perché disposti a pagare 8 euro uno Spritz, diffonde un’inascoltabile lounge music che penetra le pareti della mia cucina.
Ed io me ne sto qui sul divano a scrivere in penombra, senza la minima malinconia.
Mi sento bruco che vuole essere bruco. Tartaruga che se ne vuole star dentro il proprio guscio.
Non ho. La minima. Voglia. Di vedere gente.

Ma avvoi che vi frega. Siete capitati su questo post probabilmente perché avete cercato su google cose tipo “trasformazione da bruco a farfalla” oppure più sottilmente “dramma adolescenziale” e l’ultima cosa di cui avete bisogno è leggere le paturnie di una che se ne sta in casa perché non c’ha voglia di uscire. Sfigata.

Beh, io vorrei soltanto comunicare a tutti i fedelissimi che stanno cercando con fatica di arrivare alla fine di questo probabilmente inutile post che alla fin fine non muore mica nessuno se è primavera e non ve ne può fregar di meno di uscire di casa!
Non siete asociali (forse un po’, ma non patologicamente), non siete sociofobici, non siete depressi (non necessariamente almeno), semplicemente Non. Vi. Va.
E tutta ‘sta paranoia che uno nasce bruco e deve diventare farfalla, tutta sta filippica che ci inculcano in ogni cosa che facciamo, dal corso di pasta fatta in casa a quello di bisnessmenagment, ma non se ne può più!

Si cresce – non sempre.
Si migliora – non necessariamente.
S’impara – a volte.
Si cambia – poco.

Alla fine siamo bruchi dentro. Diventiamo farfalle prima o poi, prima o poi spieghiamo le nostre meravigliose ali colorate e iniziamo anche noi a sfarfallare qua e là tra uno spritz (8 euro no però!) e un tavolino luccicante di un bar.
Anche noi iniziamo a chiederci se le scarpe che stiamo indossando c’entrano o meno qualcosa con il resto, ma alla fin fine quello che conta (e quello che resta) è quello che eravamo da bruchi.

Chi nasce tondo non può morire quadrato.

Dice sempre mia cugina. Ed è così.

Una farfalla muore farfalla, è diventata farfalla. Ma se potessimo chiederle cosa pensa, sono sicura che risponderebbe che in fondo in fondo si sente ancora un po’ bruco.

Buon aperitivo.

E’ stato un brivido stamattina a..

..regalarmi un tuo ricordo.

Era tardi ed ero ancora a letto in dormiveglia.

Ad un certo punto un rumore di tacchi mi ha fatto sobbalzare.

Era l'abitudine delle domeniche mattina, di quando ti sentivo rientrare di colpo in casa e mi accorgevo di aver dormito fino a tardi e di non aver fatto le faccende che mi avevi detto di fare,

E' stato un ricordo inaspettato, improvviso, come una petite madeleine di proustiana memoria che comunque mi ricorda te ed i tuoi autori preferiti.

Prima che quei tacchi mi svegliassero ti avevo sognata tutta la notte. Eri felice, ridevi, scherzavi, dicevi che avevi capito tutto di me "ormai".

Ti sto sognando molto ultimamente. E' una cosa che mi dà molta forza, molta serenità.

So che quei tacchi erano dell'inquilina del piano di sopra. So che quel passo non era il tuo passo, non aveva lo stesso tuo calibrato ritmo svelto di sempre.

Ma dentro di me, preferisco pensare che sia stata tu a svegliarmi questa mattina.

Buongiorno. 

C’è da dire che

ieri leggevo di Camilla Vallejo, questa ragazza acqua e sapone con 23 anni e un gran fegato che ha risposto alla domanda: può una rivoluzione partire dal basso in Cile? Possono degli studenti rivendicare il loro diritto ad un'istruzione pubblica?

Camilla ha risposto a queste domande facendo una cosa che qui in Italia (e ultimamente un po' dappertutto) abbiamo smesso di fare da un bel po': agire.

Ha fondato il Fech Federaciòn de Estudiantes Universidad de Chile

E il Cile giovane, quello che vuole studiare senza sé e senza ma, quello che si è stancato di dare per buoni gli errori delle generazioni precedenti, si è deciso a vomitare addosso al governo cosa c'è che non va.

Migliaia di studenti guidati da questa ragazza fanno sentire le loro opinioni a colpi di iniziative a metà strada tra le performances e le manifestazioni sindacali.

Un esempio è l'evento di sabato 30 luglio in Plaza de Armas intitolato “1800 paraguas por la educación: llueva o truene seguimos luchando” (1800 ombrelli per l'istruzione: piove o tuona continuiamo a lottare) che ha raggiunto il suo momento più cool con  thriller un flash mob che in cui gli studenti travestiti da zombie hanno sottolineato la loro condizione di emarginati dalle scelte governative portando in piazza le scene del video di Michael Jackson.

Tutto questo per dire che ancora una volta il Cile ci dà una lezione sulla speranza e sul valore della lotta per i propri diritti. E mentre noi ce ne stiamo qui a lamentarci chi veramente ha ancora dei motivi per ribellarsi a quello che non va scende in piazza a farsi sentire. E chi a tutto questo risponde che non serve a niente, che tanto le cose non cambiano e che si tratta soltanto di atteggiamenti fricchettoni e utopici, io credo abbia già perso quella che rimane la più grande caratteristica e il più grande talento di noi esseri umani: la capacità di sognare.

Eccovi la canzone giusta per questo post (e anche il video correlato credo faccia al caso nostro):

http://www.youtube.com/watch?v=fyHYSVszJzI&feature=fvwrel