Updates…

Mi è bastato un weekend a Firenze per rendermi conto di cosa mi faceva sentire così vuota e a volte inutile.
Sono stati tre giorni intensi. Ed ero in una nuova casa in cui tutto era diverso tranne una cosa: gli archivi, il giornalismo, le foto, i reportage, tutto quello che fino a prima di iniziare la specialistica era il mio mondo, il mio sogno, la passione che mi faceva stare sveglia la notte a sognare ad occhi aperti.
E stando lì mi sentivo come se fino ad adesso avessi mentito a me stessa, come se fino a quel momento mi fossi convinta che scrivere poteva anche non essere il mio futuro, come se il giornalismo non fosse più parte di me come prima.

Invece no.

Invece ho risentito, dopo tanto tempo quell’attrazione fatale, quell’amore/odio per i viaggi, per il pericolo di stare su un aereo che cade a pezzi diretto verso un luogo ai confini della civiltà e quell’esigenza di raccontarlo.
E me ne sono andata a letto, ho acceso la tv sovrappensiero finché non mi sono imbattuta in uno di quei film che mi ha cambiato la vita "Nuovo cinema Paradiso". Con la differenza che stavolta mi sono resa conto che la frase chiave del film non è più per me "Vattinne, chesta è terra maligna", ma "Non tornare mai, nun ti fari futtere dalla malinconia". Ed è un po’ quello che ha fottuto me. La malinconia per qualcosa che poi quando torni non ritrovi più come l’avevi lasciato.
E mi è tornata la voglia di creare, di scrivere, di raccontare, di fare foto, di leggere, di vedere film…la curiosità. Tutto di un colpo mi è tornata la voglia di vivere come ho sempre vissuto: appassionatamente.

Nonostante questo Paese distrugga le persone appassionate ignorandole e non rispettandone le idee.
Devo trovare il modo per sentire questa passione scorrermi nelle vene tutti i giorni, devo trovare un modo qui in Italia per far vivere dentro di me questo sogno perché anche quando non lo guardo lui resta lì a guardarmi vivere.
Devo trovare il modo per non fare al giornalismo quello che ho fatto alla musica: lasciarla andare.

Anche perché prima o poi ritorna ed è sempre troppo tardi.

Un pensiero su “Updates…

  1. Cara Angiolì, che bel post. Come quella chiacchierata fino all’alba vicino al mercato del porcellino… e chi se la scorda! Anche se sto vivendo delle cose bellissime e veloci, non dimentico le belle espereinze passate🙂 In attesa di leggerti, ti invio un bacio.

    PS: Quanto alla manifestazione mancata, non mi sentirei in colpa: è già tanto se riusciamo ad essere “il cambiamento che vorremmo vedere nel mondo”. Ciao Fede

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...