La nostra Italia

Se c’è una cosa che non mi stupisce di questa nostra "splendida" Italia è tutto quello che ho appena letto in questo articolo  di Lisbeth Davidsen.
Un’Italia burocratica e chiusa; medievale e ferma, bigotta e coraggiosa.
Burocratica perché per riempire un modulo pur avendo tutti i dati alla mano ti ci vogliono almeno tre giorni.
Chiusa perché si continua a pensare ai problemi dei politici piuttosto che a quelli dei cittadini.
Medievale perché c’è la mafia nonostante ci siano stati Falcone e Borsellino.
Ferma perché non c’è innovazione nonostante ci siano stati Marconi e Galilei, Volta e Da Vinci.
Bigotta perché i gay sono considerati "esseri" "anormali" e "deviati mentali" che agiscono contro natura da chi si ritiene perfino tollerante e contro ogni discriminazione.
Coraggiosa per tutte le persone che continuano a combattere contro tutto questo.

Se c’è una cosa che non mi stupisce di questa "splendida" città in cui vivo è la sua capacità di far finta di niente nonostante i problemi che la devastano quotidianamente dall’interno. Perché è di gran lunga più facile ignorare un problema che cercare di risolverlo.

Non mi stupisce, mi fa incazzare e basta.

Se c’è una cosa che invece mi stupisce è sapere che ci sono persone come me che si incazzano ancora per queste cose. 
Si incazzano e partono. Si incazzano e restano. In entrambi i casi si incazzano.
In entrambi i casi cercano di cambiare un po’  questo triste teatrino.
E meno male che qualcuno di quelli che restano sopravvive.
E meno male che qualcuno di quelli che partono torna.
Altrimenti di questo triste teatrino resterebbe soltanto una scenografia malandata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...